carrello

Rivista Anarchica Online






Quasi incontri

Solo qualche mese fa su queste pagine (“A” 415), nel delirare a proposito della diversa velocità con cui oggi viaggiano le informazioni rispetto ai miei vent'anni - uno dei miei chiodi fissi in questi tempi, ve ne sarete accorti - vi ho raccontato che a me la lentezza piace. Pur riconoscendo alla tecnologia odierna dei vantaggi complessivi, trovo che la troppa velocità rischi di influenzare negativamente l'approccio alle cose del mondo, nel senso che possa contribuire a far perdere la concentrazione nell'attenzione all'altro ed agli altri, possa diluire la curiosità e l'impegno alla conoscenza.
Temo che la troppa velocità che ci viene messa a disposizione possa confondere i tempi biologici di comprensione ed assimilazione dei ragionamenti (nostri e) degli altri, che possa in qualche modo costringere alla zona di superficie delle cose e possa contribuire a far scordare che sotto alle cose ed ai ragionamenti ci sono delle radici. E che senza radici le cose ed i ragionamenti fanno fatica a restare in piedi, a crescere, a camminare, ad arrivare.
Ho pensato di raccogliere alcuni dei miei quasi incontri di questi ultimi tempi: sono occasioni cominciate e lasciate lì, incontri troppo brevi che mi hanno lasciato dentro una voglia grande e ricorrente di essere ripresi e migliorati e approfonditi. Anche cose tipo pacchetti consegnati a mano e buste arrivate a sorpresa nella cassetta della posta e nella mailbox con dentro oggetti e domande restate appese lì come vermi sull'amo che trovo avessero bisogno di attenzione maggiore di quella che sono riuscito a rastrellare. Siccome vedo che sono parecchi e continuano ad accumularsi, mi sa che ci ritornerò sopra il mese prossimo.

Antonio Bertoni

½ h(our) drama

Antonio Bertoni e la sua compagna, complice un amico comune come Ignazio Lago - uno dei quei chitarristi-in-opposition trasversali indefinibili imprendibili - hanno ospitato me e Dethector per un incontro pubblico lo scorso febbraio allo Spazio Loup a Mori, su nel Trentino vicino a Rovereto. Ci siamo presentati sì ma non abbiamo parlato poi molto, Antonio mi ha mostrato il suo contrabbasso e alcuni dei dischi che ama ascoltare, così da farmi intuire direzioni e provenienze. Lui ha una formazione solida, frequenta musica classica, sperimentale, jazz. Abbiamo cenato tutti insieme e, poi lì al Loup mentre parlavo delle cose che mi sono ritrovato a fare nella vita, mi sono accorto di come mi stava ad ascoltare. Mi ha colpito la sua attenzione, come seguiva i fili e soprattutto i nodi del mio discorso. Sembrava a momenti che riconoscesse persone, situazioni, luoghi, rumori - sapete, quelle volte in cui ci si accorge di aver fatto inconsapevolmente dei pezzi di strada insieme, oppure pezzi di strada paralleli ognuno per conto proprio e che però arrivano da distante ad incrociarsi senza preavviso, senza che ci sia uno straccio di cartello, di indicazione.
Prima di farmi ripartire verso la stazione e verso casa, la mattina successiva Antonio mi ha messo in mano un cd tutto suo e due cd dei Tongs, un suo gruppo/progetto. Arrivato a casa ficco nel lettore “½ h(our) drama” e tempo pochi secondi mi ritrovo la casa invasa. Non capisco se quelli che escono dal cd sono insetti o uccelli, spettri oppure presenze aliene: quello che so è che mi riesce impossibile fare dell'altro mentre accadono queste musiche che reclamano attenzione a stridii e a graffi, così mollo tutto e mi piazzo davanti alle casse per quella mezz'ora (appunto) che dura il disco. Poi però lo rimetto su, e ancora, e un'altra volta - e occhio, questo non è un lavoro che si lascia ascoltare facilmente o che ti mette addosso la voglia di riascoltarlo, irto com'è di pericoli, spine, pezzi di vetro, di chiodi e roccia e schegge e ruggine.
Direi innanzitutto che il disco è un po' una trappola per i curiosi e gli affamati di sonorità altre: è stato realizzato con un contrabbasso che però non sembra affatto uno ma due o anche tre e che comunque non sembra affatto essere un contrabbasso - e questo aggiunge spiazzamento alla sorpresa. La musica entra senza bussare - presto ci si illude che abbia preso questa forma attraverso un qualche trucco in studio e invece no, è tutto realizzato da solo e in diretta. Un solo contrabbasso che prende come dicevo poco fa una voce non sua come di insetto e d'uccello nero, e anche restando a basso volume riesce a scavare buchi in testa e ficcarci dentro lingua artigli e saliva e semi. Roba che ascolti una volta e ti si ficca dentro e non si schioda e resta dentro a rimbombare, roba che non ci si lava via dai ricordi neanche raschiando forte. Difficile metterla a fuoco questa musica, darle una collocazione storica (il cd è stato registrato nel 2013 e pubblicato poco dopo da Leo Records, ma suona come se venisse da un ipotetico futuro lontanissimo, oppure potrebbe verosimilmente essere stato fatto negli anni Settanta per la carica esplosiva che nasconde) né geografica (autoprodotto in mezzo alle nostre montagne, potrebbe benissimo avere casa che so in Germania o a New York City o ovunque).
Sono passati dei mesi, e ogni tanto quel suono ritorna a galla - e vado a riprendermi il cd e me lo ascolto per un po', così mi viene in mente Antonio Bertoni e i quintali di cose che non ci siamo detti. Mai e poi mai avrei immaginato di ritrovarmi così preso dentro a un disco, e così a sorpresa: ve lo dico senza filtro, penso che Antonio sia riuscito a spostare il confine delle musiche possibili, di quelle inventate e immaginate sino a oggi.
È riuscito a mettere i piedi in una zona inesplorata e (e secondo me qua viene il bello) senza piantarci una qualche bandiera sopra per rivendicare appartenenze, ma mettendo un punto fermo più in là nella frase, aggiungendo parole nuove - le sue - al discorso in libertà della musica.

Contatti: basstonico@gmail.com, www.leorecords.com

Accordo dei Contrari
foto Daniele & Valentina Fran©hi

Violato intatto

Giusto per tornare un attimo al discorso delle strade che si incrociano senza premeditazione: dentro ad uno dei due cd dei Tongs ho trovato Luca Serrapiglio - che a distanza breve ho poi incontrato di persona grazie a Nicola Guazzaloca e al loro progetto tutt'attorno all'orchestra degli Improvvisatori di Valdapozzo. Alla presentazione del cd, lo scorso luglio, sono stato invitato anch'io - si decide di partire in gruppo per Alessandria dalla sede della scuola Ivan Illich a Bologna.
Mentre ci si aspetta per fare il conto dei posti in macchina, succede che mi metto a parlare con un ragazzo che sta lì: ha con sé una custodia da sax, si chiama Stefano e lo incuriosisce il mio parlare abituale segnato così pesantemente dall'accento veneto. Stefano fa Radaelli di cognome, a occhio avrà una trentina d'anni, dopo un po' che siamo lì tira fuori dalla tasca dello zaino un cd e me lo allunga - dice due parole veloci, tipo suono con questo gruppo, magari è roba che non ti piace, magari non ti interessa, cose che disgraziatamente mi sento dire spesso da musicisti giovani che pensano io sia chissà quale specie di giornalista esperto sessantenne (forse sono abituati male con altri giornalisti, altri esperti e/o altri sessantenni - mi viene da pensare).
Poi gli altri arrivano, si organizzano i posti in macchina e si parte per Valdapozzo, lì ci si ritrova tutti e mi accorgo velocemente che l'unico nuovo acquisto dell'orchestra sono io - ma a questo spaesamento si rimedia altrettanto presto: so che farò fatica a ricordare tutti i nomi ma so che non dimenticherò affatto le strette di mano, gli abbracci, i sorrisi. È un bel giro di gente che ama stare insieme a suonare (e a mangiare e bere, imparo presto pure questo). Si tira tardi tardissimo e anche oltre. Il giorno dopo si ritorna - in macchina fino a Bologna poi prendo il treno verso casa.
Arrivo, sistemo la borsa e salta fuori il cd che mi aveva dato Stefano - lo prendo e lo ficco nel lettore. Il gruppo si chiama Accordo dei Contrari (la musica come luogo dove le differenze si congiungono - è così che la pensavano i Greci), neanche faccio in tempo a leggere chi e cosa in copertina ed ecco che nel giro di pochi secondi “Violato intatto” (così si chiama il cd) scatena qualche tempesta che agita le onde sotto alla mia barca e pure riesce a strapparle le vele. Se mi lascio portare via mi vedo con addosso quarant'anni-e-passa di meno, eccomi lì ragazzino affamato di musiche, a me piacevano quelle strane - quelle che non piacevano agli altri - e confondevo allegramente Henry Cow e il prog alla ricerca di suono nuovo che consumavo con voracità spandendo briciole e macchie tutt'attorno senza mettermi problemi di etichetta e di etichette.
Se facessi finta di dimenticare tutto quello che è successo dal punk in qua mi sarebbe facile raccontarvi questo cd come una raccolta di outtakes degli Area dal vivo con Massimo Urbani ed un Demetrio Stratos in assetto di guerra, o come il disco nuovo e più bello mai uscito degli Arti&Mestieri, ma sarebbe sbagliato anzi offensivo per tutti - quindi facciamo come se questa cosa non l'avessi mai pensata detta e scritta. Resta il fatto che il cd suona con un piede dentro ieri e l'altro indiscutibilmente dentro oggi: una doppia esistenza ed una felicità espressiva che lo rendono unico.
Voi che ci avete suonato dentro: se avete scorte di questa benzina creativa fatene presto un altro, e poi altri ancora.

Contatti: accordodeicontrari.wordpress.com

Marco Pandin
stella_nera@tin.it